Assistenza ad anziani e disabili: come risaputo la nostra società invecchia, e questo vuol dire che l’assistenza domiciliare ad anziani e disabili sarà una delle attività più richieste in futuro. La ricerca di personale specializzato ed affidabile è sempre più difficile, per questo offrire un servizio organizzato e certificato sarebbe sinonimo di successo garantito.
Aprire un centro benessere o un centro massaggi: come il veganesimo, anche il trend del benessere è in crescita esponenziale trainando un settore giovane e che vanta ottime previsioni per il futuro. Aprire un centro benessere con servizi come la grotta di sale o i massaggi olistici è un’idea che può produrre degli ottimi risultati. Puntare sulla qualità e la professionalità ti aiuterà a farti distinguere dai numerosi centri che già operano sul mercato.
La scelta delle risorse diventa un punto di forza per l’azienda. Il coinvolgimento e la motivazione del personale è per noi fondamentale. I nostri addetti sono altamente qualificati per l’espletamento del proprio lavoro dal momento che la formazione specifica è prevista per le varie prestazioni in tutte le loro specifiche attività. Abbiamo un team di collaboratori validi e preparati tramite l’informazione e gli aggiornamenti professionali specifici. Crediamo nel nostro team, sono le persone che fanno la differenza. Crediamo anche che la condivisione dei nostri successi con i dipendenti motivi e li renda partecipi degli obiettivi aziendali ed ancora di più parte integrante della nostra azienda di pulizie. 
In Italia la prima micro impresa domestica è nata solo nel 2014, oggi in totale le imprese attive e regolarmente registrate nel portale di Cucina nostra sono 47, presenti soprattutto nel Nord Italia (Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia). Sul piano normativo, per l’apertura di una IAD (Impresa alimentare domestica) occorre far riferimento al Regolamento CE 852/2004, Allegato II, Capitolo III (igiene dei prodotti alimentari), al Regolamento CE 1169/2011 (etichettatura alimentare) e al Regolamento CE 178/2002 (rintracciabilità degli alimenti). Occorre inoltre essere iscritti alla Camera di Commercio, avere una Partita IVA ed essere iscritti all’INPS (solo dopo aver aperto la Partita IVA). Infine è richiesta la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), da presentare allo Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP) del Comune dove sarà svolta l’attività di microimpresa. La ASL di competenza verificherà il possesso e la veridicità dei requisiti della cucina (o dei locali di produzione) dichiarati nel progetto e nella SCIA presentata in Comune e rilascerà il permesso necessario per iniziare a sfornare torte, ciambelloni, biscotti e altri prodotti alimentari con cui iniziare a guadagnare come micro-impresa. Chi volesse maggiori informazioni o avesse voglia di trasformare la propria passione per la cucina in un lavoro vero e proprio, può visitare il sito di Cucina Nostra o guardare questo video:
– Presentare la SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività. Si tratta di una dichiarazione che consente alle imprese di iniziare, modificare o cessare un’attività produttiva senza attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti. La SCIA deve essere presentata allo Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP) del Comune dove sarà svolta l’attività di microimpresa.
Ovviamente essendo una micro-impresa domestica non ho una rivendita e fondamentalmente lavoro con il passa parola. La mia vetrina poi sono i social, fondamentali per noi micro-imprenditori. Ho una pagina Facebook (Ciri Cakes) e un profilo Instagram. Ricevo ordini tramite messaggi dalla pagina, tramite WhatsApp o messenger, insomma è un modo proprio nuovo di lavorare. L’idea è di cominciare a proporre i miei prodotti anche a negozi di alimentari, bed & breakfast e bar, soprattutto i biscotti e i dolci da forno. Durante le feste di Natale ho organizzato anche delle confezioni regalo con dolci e piccola oggettistica”.
In Italia la prima micro impresa domestica è nata solo nel 2014, oggi in totale le imprese attive e regolarmente registrate nel portale di Cucina nostra sono 47, presenti soprattutto nel Nord Italia (Piemonte, Lombardia, Friuli Venezia Giulia). Sul piano normativo, per l’apertura di una IAD (Impresa alimentare domestica) occorre far riferimento al Regolamento CE 852/2004, Allegato II, Capitolo III (igiene dei prodotti alimentari), al Regolamento CE 1169/2011 (etichettatura alimentare) e al Regolamento CE 178/2002 (rintracciabilità degli alimenti). Occorre inoltre essere iscritti alla Camera di Commercio, avere una Partita IVA ed essere iscritti all’INPS (solo dopo aver aperto la Partita IVA). Infine è richiesta la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), da presentare allo Sportello Unico delle Attività Produttive (SUAP) del Comune dove sarà svolta l’attività di microimpresa. La ASL di competenza verificherà il possesso e la veridicità dei requisiti della cucina (o dei locali di produzione) dichiarati nel progetto e nella SCIA presentata in Comune e rilascerà il permesso necessario per iniziare a sfornare torte, ciambelloni, biscotti e altri prodotti alimentari con cui iniziare a guadagnare come micro-impresa. Chi volesse maggiori informazioni o avesse voglia di trasformare la propria passione per la cucina in un lavoro vero e proprio, può visitare il sito di Cucina Nostra o guardare questo video:

Il Kit è la soluzione intelligente per progettare, valutare, realizzare con successo il tuo business. E' un valido strumento per elaborare richieste di contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati e altre agevolazioni pubbliche. Inoltre permette di elaborare correttamente il business plan, documento sempre più richiesto dalle Banche per la concessione di finanziamenti ordinari.
Coltivare lo zafferano: se prima la coltura dello zafferano era un’attività legata ai territori del sud, ora è un’attività che sta vivendo un vero e proprio boom e che viene sempre più praticata in diverse regioni italiane, tra cui molte anche del Nord. Lo zafferano infatti, soprannominato anche l’oro rosso, è una spezia molto pregiata che si vende anche a più di 10€ al grammo. Per questo le colture di zafferano risultano essere molto attrattive e producono dei discreti guadagni.
Aprire un’insalateria o una frullateria: dopo hamburgerie, piadinerie, paninoteche, ora è il momento dell’insalata e della frutta. Vista la costante ricerca di cibo salutare degli ultimi periodi e la continua crescita di vegetariani e vegani, attività che propongono alimenti salutari come frullati di frutta e verdura fresca avranno sicuro successo in futuro.
Avviare un’attività di servizi di traduzione: con un mondo che diventa ogni giorno sempre più globalizzato, i servizi di traduzione sono sempre più richiesti. Se le lingue sono la tua passione e hai le giuste conoscenze potresti buttarti sui servizi di traduzione e aiutare così imprenditori esteri e immigrati in cerca di risposte, nella loro lingua.
Avviare un’attività di riciclo componenti elettronici: forse non lo sapevi, ma esiste un vero e proprio mercato dei componenti elettronici usati. Difficili da smaltire e pericolosi per l’ambiente, i componenti elettronici usati possono trasformarsi in una fonte di guadagno assicurato se lavorati con le giuste tecniche per recuperare i materiali di pregio con cui sono costruiti e da cui si possono ricavare, ceramica, vetro e silicio. Un business redditizio ed eco-sostenibile.
Guadagnare con i distributori automatici: investire nel business della distribuzione automatica è un modo per avviare un’attività in gran parte automatizzata e che negli ultimi anni è cresciuta parecchio. I prezzi più contenuti e un’orario di apertura 24h/24h consentono infatti di soddisfare una domanda di mercato che i negozi tradizionali non riescono a soddisfare.
Aprire un blog di nicchia: l’era del blogging è finalmente arrivata, e ora è ormai una realtà.. Guadagnare online con un blog è davvero possibile, se sai come farlo! Se hai una passione in particolare e ti piace scrivere, allora quest’idea imprenditoriale fa decisamente al caso tuo. D’altronde cosa chiedere di meglio, se non potersi mantenere condividendo con gli altri le proprie passioni?
Investire nel business delle due ruote: bici pieghevoli per la città, scooter e biciclette elettriche. Il business delle due ruote sta vivendo un momento di crescita grazie a questa rivoluzione dei prodotti. Ora più comodi e funzionali, economici e adatti a tutti, i mezzi di trasporto a due ruote vedono dopo un periodo di crisi una rinascita promettente. Aprire un negozio di bici elettriche o inventare lo scooter ecologico del futuro, ecco due idee di business vincenti che hanno già fatto il successo di molte aziende. E tu per cosa sei? Bici o scooter?
Aprire un coworking: la formula dell’ufficio in condivisione ha preso molto piede negli ultimi anni. Infatti si tratta di una soluzione intelligente per sfruttare spazi inutilizzati ed offrire un luogo per lavorare a giovani imprenditori e freelancer, già attrezzato e pronto all’uso. Un trend in crescita che non accenna ad arrestarsi, che evidenzia come aprire un coworking sia un’idea di business assolutamente vincente.
Il Kit è la soluzione intelligente per progettare, valutare, realizzare con successo il tuo business. E' un valido strumento per elaborare richieste di contributi a fondo perduto, finanziamenti agevolati e altre agevolazioni pubbliche. Inoltre permette di elaborare correttamente il business plan, documento sempre più richiesto dalle Banche per la concessione di finanziamenti ordinari.
Aprire un bar con intrattenimento: per offrire qualcosa di innovativo ai clienti, stanno nascendo diverse formule davvero intelligenti che uniscono al servizio classico del bar caffetteria, aree accessoriate e dedicate ai servizi più disparati, come cucito, lettura, telelavoro… Se il tuo sogno è quello di aprire un bar, quale migliore soluzione per promuoverlo, se non offrire la possibilità di svolgere delle attività interessanti e di creare una community all’interno del tuo locale?!
Insegnare inglese ai bambini: ormai tutti i genitori di buon senso sanno perfettamente quanto la conoscenza delle lingue sia diventata fondamentale. Per questo specializzarsi nell’insegnamento della lingua inglese per bambini è un’attività che va in contro ad una domanda di mercato crescente e consente di guadagnare cifre che vanno dai 10€ ai 30€ per alunno all’ora.
Avviare un’attività di servizi di traduzione: con un mondo che diventa ogni giorno sempre più globalizzato, i servizi di traduzione sono sempre più richiesti. Se le lingue sono la tua passione e hai le giuste conoscenze potresti buttarti sui servizi di traduzione e aiutare così imprenditori esteri e immigrati in cerca di risposte, nella loro lingua.
Google permette di utilizzare AdSense congiuntamente con altri programmi di affiliazione di tipo InLine, a patto che questi non siano simili con i propri annunci responsabilizzando il publisher su questo punto. Questa apertura potrebbe essere una naturale conseguenza dell’aumento qualitativo dei suoi competitor (Kontera è molto utilizzato nei siti inglesi).
×